Mauro Mandalari

Lavoro nel campo della comunicazione web da più di 15 anni, sviluppo strategie di comunicazione web efficaci, mi occupo di WebDesign, WebDeveloping, UserExperience, DigitalStrategy.

Il web è ormai diventato un flusso incontrollabile di persone, informazioni, strumenti e… chi più ne ha più ne metta. In tutto questo mare magnum, quante volte ti è capitato di passare inosservato? Costruire il proprio personal branding è fondamentale per evitare di diventare dei fantasmi della rete. Ma come si fa? Ci vuole pazienza, perché è un procedimento lungo e impegnativo. E i consigli che scriverò qui di seguito potrebbero darti una mano o perlomeno farti riflettere.

[Tweet “Come si costruisce il #personalbranding”]

Come si costruisce il personal branding

L’indifferenza è una brutta bestia. Ti dai da fare, scrivi contenuti di qualità, pubblichi post interessanti e… ottieni poca considerazione. Snervante no?! Però questa è la via. Insieme alla costanza e a questi altri consigli:

  • Presenta la tua attività: che fai sul web? Qual è la mission della tua attività? Quali sono i principi del tuo business online? Prova a rispondere a queste domande il più chiaramente possibile grazie al tuo sito web e ai profili sui social network. Il biglietto da visita è la base del tuo personal branding.
  • Interagisci sui social e nei gruppi: fatti conoscere grazie alle interazioni sui social network e nei gruppi che riguardano la tua area di competenza. Ma attenzione: bisogna farlo sempre con intelligenza, con toni pacati, fornendo spunti di riflessione e informazioni utili. Non basta soltanto mettere le mani sulla tastiera e scrivere a vanvera.
  • Costruisci delle relazioni: il passo successivo è quello di dare il significato all’interazione. Instaurare delle relazioni con altri professionisti ti può aprire le porte a delle collaborazioni in grado di far conoscere il tuo nome e la tua attività.

Costruire relazioni con il personal branding

  • Non fare spam: evitalo, e se ti capita di farlo per errore scusati. È antipatico e seccante essere tartassati da email e messaggi, soprattutto se non interessano. E fare spam non giova al tuo personal branding.

Perché è importante il personal branding

Bene, abbiamo visto qualche suggerimento per farsi conoscere e impreziosire la propria identità sul web: ma ti sei chiesto a cosa può servire tutto ciò? Ecco qualche considerazione:

  • Farti una reputazione (non solo online): la web reputation è importante per far capire agli altri che conti qualcosa. Coltivare (bene) il tuo personal branding ti permette di farti una buona reputazione, che può sfociare anche oltre le “mura” della rete.

Migliorare la web reputation con il personal branding

  • Dare maggior valore alla tua attività: sarai tu stesso il testimonial della tua attività. Ti è mai capitato di dire o pensare “quest’articolo l’ha scritto Tizio, dev’essere interessante” senza nemmeno averlo letto? Per far pensare o dire di te la stessa cosa è necessario dimostrare agli utenti che sei sempre all’altezza della situazione, ispirare una certa fiducia con un’identità solida e coerente.
  • Trovare i contatti giusti: tra le relazioni che instaurerai ci può essere quella che migliorerà la tua attività, e perché no, la tua vita. I contatti giusti possono farti fare il salto di qualità, cosa che da soli è molto più difficile.

[Tweet “Curare il #personalbranding può farti fare il salto di qualità”]

Questo è il mio punto di vista sul personal branding in relazione alla digital strategy. Tu che ne pensi? Hai altri consigli da suggerire? Dì la tua nei commenti, alla prossima 🙂

Lavoro nel campo della comunicazione web da più di 15 anni, sviluppo strategie di comunicazione web efficaci, mi occupo di WebDesign, WebDeveloping, UserExperience, DigitalStrategy.