Mauro Mandalari

Lavoro nel campo della comunicazione web da più di 15 anni, sviluppo strategie di comunicazione web efficaci, mi occupo di WebDesign, WebDeveloping, UserExperience, DigitalStrategy.

La diffusione del web ha portato alla nascita di tante professioni, ciascuna con il sue peculiarità ma con un unico obiettivo: portare visibilità ad un business. Dopo aver parlato del social media manager, in questo articolo mi voglio concentrare sulle qualità fondamentali per diventare un SEO specialist.

Chi è il SEO specialist

Un professionista nel Search Engine Optimization: ecco chi è in gergo tecnico il SEO specialist. In parole povere si occupa del posizionamento e della promozione dei siti web sui motori di ricerca.
Per potersi definire un vero SEO specialist bisogna avere alcune caratteristiche fondamentali:

  • Analisi del mercato di riferimento e dei competitor del proprio cliente;
  • Ricerca delle keyword su cui basare la strategia SEO;
  • Conoscenza del linguaggio HTML e delle basi del CSS;
  • Uso di tool professionali per sviluppare e monitorare la SEO strategy;
  • Scrittura e ottimizzazione dei contenuti in chiave SEO.

Come diventare un SEO specialist

[Tweet “#SEO: ecco le qualità fondamentali per diventare uno specialist”]

Analizzare il mercato di riferimento e i competitor

Una delle basi per essere un SEO specialist coi fiocchi è quella di saper analizzare il mercato di riferimento e i competitor del cliente per cui si sta lavorando. Un’attività di web analysis efficace deve fondarsi sulla capacità di occuparsi di vari aspetti, tra i quali:

  • Raccolta dei dati;
  • Organizzazione dei dati;
  • Interpretazione dei dati in funzione del settore;
  • Presentazione al cliente;
  • Pianificazione di una strategia SEO basata sui dati interpretati e discussi con il cliente.

Un professionista della SEO, per analizzare con efficacia i competitor e il settore di riferimento, si basa su degli strumenti, sia gratuiti che a pagamento, messi a disposizione dal web, come SEOZoom e SEMRush, in modo da:

  • Conoscere altre parole keyword con cui posizionarsi sui motori di ricerca;
  • Mettere a punto una strategia di link building;
  • Sfruttare i punti di forza dei competitor.

Per approfondire puoi leggere l’articolo 7 tool per l’analisi dei competitor

Individuare le keyword principali e secondarie per il posizionamento sui motori di ricerca

Quali sono le keyword fondamentali per posizionarsi su Google e gli altri motori di ricerca? Un SEO specialist deve individuarle per poter mettere a punto la propria strategia. Ma come? Ecco alcuni spunti:

  • Per prima cosa è lo stesso cliente che deve/può fornire le keyword su cui lavorare;
  • Come detto in precedenza, le parole chiave su cui posizionarsi possono essere individuate studiando i competitor;
  • Si possono usare tool come Ubersuggest, Keyword Planner e Google Trend.

Naturalmente, al di là da numeri e statistiche forniti dai tool, deve entrare sempre in gioco il buon senso e le capacità del SEO specialist di individuare, con una certa lungimiranza, le parole chiave principali, secondarie e le keyword long tail più efficaci nella strategia SEO da attuare.

Come un SEO specialist cerca le keyword

Conoscere le basi dell’HTML e dei CSS

Dove vai se la programmazione non la sai? Vabbè, oltre la battuta di spirito, una delle caratteristiche fondamentali del SEO specialist è conoscere le basi dei linguaggi di programmazione: HTML, CSS e magari qualcosa di PHP e Java.
Sia chiaro, non è necessario essere programmatori, ma sapere “dove mettere le mani”: saper riconoscere i pezzi di codice, dove si trova un meta tag, la differenza tra uno <strong> e un <b> (bold) ecc: perché la SEO è anche tecnica!

Scrivere e ottimizzare contenuti in ottica SEO

Saper scrivere non è solo affare da blogger. Per essere un professionista SEO bisogna anche conoscere e saper mettere in pratica delle tecniche per scrivere contenuti in grado di posizionarsi sui motori di ricerca. Ecco qualche consiglio per riuscirci:

  • Riconoscere, scegliere e usare le parole chiave più adatte: Google e gli altri motori di ricerca diventano sempre più intelligenti, ogni giorno che passa. Il loro intento è di creare un web semantico dove vengono proposti agli utenti i contenuti che possono più avvicinarsi alle loro intenzioni di ricerca. Ecco perché è importante sapere usare bene le keyword: all’interno di un testo bisogna puntare su quelle correlate all’argomento che si sta trattando, che poi saranno quelle cercate con più probabilità dall’utente;
  • Privilegiare la leggibilità: per posizionare bene un contenuto è importante scrivere per gli utenti. Per questo è fondamentale privilegiare la leggibilità con l’uso intelligente di heading tag, grassetti e punti elenco;
  • Usare sapientemente i link: i contenuti orientati alla SEO sono importanti anche per creare uno schema di link, sia interni che esterni, con le giuste anchor text. Il consiglio è di non esagerare con i link nel testo, ma usare solo quelli che sono effettivamente utili al lettore;
  • Inserire immagini ottimizzate: oltre ad aiutare la leggibilità, le immagini in un testo sono importanti anche dal punto di vista SEO. Perché? Oltre alla possibilità di finire nelle sezioni immagini dei motori di ricerca (pensiamo, per esempio, a Google Immagini), possono aiutare l’articolo a posizionarsi tra i primi posti della SERP se presentano tag alt e title pertinenti e un “peso” tale da non rallentare il caricamento della pagina.

Per approfondire puoi leggere l’articolo Come scrivere un articolo in chiave SEO

Scrittura contenuti SEO

Le caratteristiche fondamentali del SEO specialist: dì la tua

In questo articolo ho elencato alcune delle qualità più importanti per diventare un SEO specialist. Quali sono per te le caratteristiche fondamentali? Cosa contraddistingue un professionista SEO dagli altri del settore web marketing? Aspetto il tuo contributo nei commenti, alla prossima 🙂

Lavoro nel campo della comunicazione web da più di 15 anni, sviluppo strategie di comunicazione web efficaci, mi occupo di WebDesign, WebDeveloping, UserExperience, DigitalStrategy.