Mauro Mandalari

Lavoro nel campo della comunicazione web da più di 15 anni, sviluppo strategie di comunicazione web efficaci, mi occupo di WebDesign, WebDeveloping, UserExperience, DigitalStrategy.

LinkedIn nel tempo si è molto evoluto. Dal lontano 2003, anno del suo lancio, il social network grazie ai suoi oltre 380 milioni di utenti si è trasformato in un servizio essenziale per professionisti ed aziende che vogliono interfacciarsi efficacemente in ambito lavorativo. Non solo una vetrina per il curriculum vitae o per il proprio business, ma anche un sistema per condividere dei contenuti con la propria rete. Ce ne sono diversi, ma oggi voglio parlarti di uno in particolare.

Da circa un anno, è possibile usare LinkedIn Pulse. Ma cos’è? E’ semplicemente il blog di LinkedIn.  Ma attenzione: per il momento (e da quanto dura questo momento…) è possibile scriverci dei post solo settando il profilo in lingua inglese, altrimenti apparirà solamente in “modalità lettura”.

Scrivere un post su LinkedIn Pulse

Pubblicare un post con LinkedIn Pulse

Un alternativo servizio di blogging

Come ho detto in precedenza, LinkedIn Pulse si presenta come un servizio di blogging per i professionisti della rete. E’ un ottimo modo per scrivere degli articoli, con contenuti testuali e visivi, anche senza avere un blog. Inoltre, il social network ha spinto molto per dargli visibilità grazie alla relativa app. Ma oltre alla visibilità, quali sono gli altri vantaggi?

  • Aumentare la notorietà del proprio sito web: usare LinkedIn Pulse, proprio grazie alla visibilità data anche dalle notifiche che arrivano a chi lo utilizza ogni qualvolta c’è un nuovo post, permette di far ottenere maggiore notorietà al tuo sito web/blog, anche molti giorni dopo la pubblicazione di un articolo;
  • Sfruttare un differente canale di comunicazione: non solo sul tuo blog, ma potrai scrivere e veicolare gli articoli anche grazie a Pulse, differenziando così il tuo canale di comunicazione;
  • Rinvigorire il personal branding: mettici la faccia, sempre. E se crei dei contenuti di qualità, grazie a LinkedIn Pulse potrai aumentare la visibilità del tuo profilo e dar valore alle tue competenze, tutto a beneficio del personal branding;
  • Condividere i contenuti facilmente anche sugli altri social: dopo aver pubblicato un articolo, oltre a dargli visibilità su LinkedIn Pulse, potrai facilmente condividerlo sugli altri social network;
  • Indicizzare i post sui motori di ricerca: ebbene si, i contenuti scritti su Pulse vengono indicizzati anche sui motori di ricerca. Ottimo!

[Tweet “#LinkedInPulse ti permette di rinvigorire il personal branding”]

Le pecche di LinkedIn Pulse

Ma non sono solo rose e fiori. LinkedIn Pulse è un ottimo veicolo di contenuti, ma presenta anche delle pecche (poche rispetto ai punti di forza):

  • Utilizzabile solo in lingua inglese: l’ho detto in precedenza, per adesso è possibile usare LinkedIn Pulse solo cambiando la lingua del proprio profilo. Un po’ una scocciatura, no?!;
  • Ancora poca audience italiana: la conseguenza del punto precedente. LinkedIn Pulse è usato dai professionisti in Italia, ma poco dall’utente medio, che preferisce ancora condividere direttamente gli articoli dal proprio blog sul proprio news feed e nei gruppi.

Infine, vorrei ragionare con te su quella che potrebbe trasformarsi in una pecca: credere che LinkedIn Pulse possa sostituire il blog personale/aziendale. Questi sono 2 strumenti di comunicazione differenti, da utilizzare indipendentemente uno dall’altro. Basti solo pensare che il blog porta direttamente delle visite grazie agli articoli veicolati dai social media e dai motori di ricerca, mentre i post di Pulse le possono portare indirettamente in virtù della notorietà ottenuta e dei link inseriti all’interno del contenuto.

Tutta teoria… e in pratica?

Bene, dopo tante parole ecco un po’ di dati. Anche io ho usato LinkedIn Pulse pubblicando un articolo su come usare i social network per trovare clienti. Questi sono stati i risultati dopo 3 giorni:

Risultati post pubblicato su LinkedIn Pulse

Contando che possiedo 1.077 followers e che l’ho condiviso anche su Twitter e su pochi gruppi LinkedIn, cosa te ne sembra?

In conclusione… è veramente importante usare LinkedIn Pulse?

Sicuramente LinkedIn Pulse è un ottimo strumento di comunicazione e funziona molto bene, ma per il presente non è quello principale su cui puntare. Secondo la mia opinione, in futuro, visto anche il grande successo partito dagli Stati Uniti (a luglio si è arrivati ad un milione di post), potrà diventare una delle fonti principali di content marketing. Ci vuole solo un po’ di pazienza…

[Tweet “#LinkedinPulse potrà diventare una delle principali fonti di #contentmarketing”]

E tu hai avuto modo di usare LinkedIn Pulse? Cosa ne pensi?

Lavoro nel campo della comunicazione web da più di 15 anni, sviluppo strategie di comunicazione web efficaci, mi occupo di WebDesign, WebDeveloping, UserExperience, DigitalStrategy.