Mauro Mandalari

Lavoro nel campo della comunicazione web da più di 15 anni, sviluppo strategie di comunicazione web efficaci, mi occupo di WebDesign, WebDeveloping, UserExperience, DigitalStrategy.

L’ASO, Application Store Optimization, indica il processo in grado di ottimizzare una app nella pagina dei risultati degli App Store (Play Store e iOS). Vediamo quali sono i parametri da tenere in  considerazione per far comparire la propria app nei primi posti della ricerca e rendere così più efficienti le proprie strategie di mobile marketing.

ottimizzare una app

Fattori on page

Nella realizzazione di una app, come per un sito web, bisogna tenere a mente i fattori on page:

  • App Title: non solo per gli articoli e le pagine di un portale, il titolo è fondamentale anche per una app. Il consiglio è di usarne uno chiaro e persuasivo, con delle parole chiave rilevanti per la ricerca;
  • App Description: la descrizione deve essere esauriente e contenente delle keyword utili al posizionamento dell’applicazione;
  • App Logo: per ottimizzare una app ai fini della ricerca è importante che il suo logo attiri l’utente e che sia coerente con le sue caratteristiche;
  • App Screenshot: devono variare tra di loro e come per il logo devono essere realizzate in modo da invogliare l’utente al download;
  • Category: la categoria di appartenenza di una app mobile deve essere assolutamente coerente con le sue caratteristiche, quindi bisogna sceglierla con cura.

[Tweet “#ASO: scopri i fattori on page di cui tenere conto”]

Fattori off page

Per ottimizzare una app tra i risultati di ricerca degli App Store è importante fare attenzione anche ai fattori off page:

  • App rating: sono le valutazioni fatte dall’utente che ha provato l’applicazione;
  • App reviews: per un business online le recensioni sono fondamentali, quindi anche quando si parla di app vale lo stesso. E’ perciò importante saper generare buone impressioni, partendo naturalmente dalla qualità del prodotto offerto;
  • Numero di download: questo fattore influenza la percezione che l’utente ha dell’applicazione. Naturalmente, un grande quantità di download genera un effetto positivo e aumenta la probabilità che anche altri utenti scarichino l’app;
  • Link building: il Play Store ha l’accesso agli indici di ricerca di Google, così avere dei link da siti web autorevoli farà salire la posizione dell’app nel ranking dello store. Quindi bisogna impegnarsi nel portare avanti un’oculata strategia di link building.

[Tweet “#ASO: ecco i principali fattori off page da ottimizzare”]

Tool per migliorare l’ASO

Vediamo adesso qualche tool in grado di aiutarci ad ottimizzare una app tra i risultati di ricerca degli App Store:

  • Flurry: strumento molto utile per accrescere la popolarità di un’applicazione;
  • Search Man: strumento molto semplice e intuitivo che fornisce diversi dati riguardo ad una applicazione come la visibilità, i competitors e le parole chiave per cui risulta indicizzata negli App Store;

Search Man tool per ottimizzare ASO

  • Swrve: questo tool è l’ideale per gli sviluppatori di app;
  • App annie: questo strumento è indicato maggiormente per la fase di monitoraggio dei download;
  • Sensor Tower: tool sia in versione gratuita che a pagamento, offre diverse funzionalità per la scelta e l’ottimizzazione delle keyword per la propria app mobile. Permette anche di tener traccia dei propri competitors.

[Tweet “#ASO: ecco i tool per ottimizzare una app nei risultati di ricerca degli App Store”]

Lavoro nel campo della comunicazione web da più di 15 anni, sviluppo strategie di comunicazione web efficaci, mi occupo di WebDesign, WebDeveloping, UserExperience, DigitalStrategy.